Ricerca vocale e dettatura: cosa cambia per il web marketing

Di

Ultimamente ho nell’orecchio un auricolare bluetooth collegato al mio smartphone. Lo uso molto spesso per:

  • dettare messaggi mentre guido
  • prendere note mentre guido o passeggio
  • ricevere indicazioni stradali
  • fare ricerche su ogni curiosità
  • aggiungere promemoria e appuntamenti

Tutte operazioni che faccio con la voce chiedendo a SIRI – invece che digitando – sfruttando quindi l’interfaccia vocale.

Interfaccia vocale e UI

Quando progetto un sito web una delle competenze importanti è il design di user interface (UI).
User interface (in italiano: interfaccia utente) è quel sistema per mettere in contatto persone e macchine (computer, smartphone, utensili…).
L’interfaccia vocale (VUI Vocal User Interface) è quella più recente e promettente, ed è equipaggiata su la maggior parte degli smartphone.
Ha un grande vantaggio rispetto ai controlli manuali. Dettare è più veloce che scrivere:
le persone possono dettare 150 parole al minuto, mentre riescono a scriverne (su una tastiera) una media di 40 parole al minuto.

La ricerca vocale è una moda passeggera?

No; lo dimostra il grande investimento di risorse che i maggiori player (Google e Apple in primis) stanno facendo su questo contesto. Alcuni dati:

Il 20% di tutte le ricerche da mobile su Google sono fatte con la voce
– Google, durante il Google I/O

Nel 2020, il 30% delle sessioni di navigazione web sarà fatto senza uno schermo.
– Gartner, ottobre 2016

In Italia utilizza la ricerca vocale:
il 46% dei possessori di smartphone
il 36% dei possessori di tablet
– FIND, “Mobile search in Italy”, aprile 2016.

Cambiamenti da pianificare sul tuo progetto web

Ti suggerisco alcuni cambiamenti sull’organizzazione dei contenuti. Chi fa ricerche vocali solitamente è su smartphone e si aspetta risposte rapide per bisogni immediati, con contenuti rilevanti:

  • Rivedi i contenuti per fornire risposte rapide e dirette, ad esempio con delle pagine FAQ;
  • Tieni d’occhio velocità e performance del tuo sito, se dopo 3 secondi l’utente non trova risposta, chiude e cerca da un concorrente.

L’argomento è vasto e le opportunità sono tantissime, soprattutto per le attività locali come negozi, ristoranti, alberghi, professionisti locali. Con questo cambiamento è possibile ricevere visibilità locale mai raggiunta prima (se ti muovi per primo…).

Scopri altri suggerimenti su Mobile e Vocal search

In Italia, il 64% del tempo digitale delle persone è trascorso su mobile
(dati Comcast, gennaio 2017)

Se vuoi approfondire argomento e suggerimenti ti invito:

a leggere l’articolo completo su RICERCA VOCALE che ho scritto e pubblicato sul Blog Italiano di SEMrush

Leggi l'articolo sul blog di SEMrush

a incontrarmi al Web Marketing Festival, a Rimini il 23 e 24 giugno.
Ci incontreremo nella sala Mobile Marketing, in cui parlerò di vocal search e UX su mobile.
Solo fino a mercoledì (31 maggio) il costo del festival è di 99€ per i due giorni.
Ci saranno grandissimi relatori come William Sbarzaglia, Valentina Falcinelli, Filippo Trocca, Luca Orlandini, Enrico Pavan, Andrea Saletti (solo per citarne alcuni).

Scopri di più

Enrico Maioli

View all posts by Enrico Maioli

Amo imparare e cavalcare il cambiamento. Amo aiutare le persone a costruire e scoprire cose che funzionano. Per questo il mio mestiere, dal 1998, è progettare su Web. Designer e Formatore con la passione per Munari, Frank Miller, Hugo Pratt e Rodari. Costruisco le Idee con metodo, innaffio la Bellezza per farla fiorire. Osservo le persone per costruire processi ben oliati: Value Proposition + Design & User Experience = web marketing che gira. Ho lavorato assieme a Gino Paoli, Ferrero, Università di Padova, Parlamento Europeo, Fiera Roma, CNA.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *