Il Social Media Strategies: curiosità e consigli

Di

Sono stati due giorni intensi ma pieni di soddisfazione quelli del Social Media Strategies appena trascorso.

Ci hanno dato non solo la possibilità di conoscere o rivedere nuovi e vecchi amici, ma ci hanno lasciato anche tante nozioni interessanti che oggi vorremmo condividere con te.

Partiamo quindi con questo breve riassunto fatto di consigli pratici e best practice da applicare alle tue strategie social.

Facebook Analytics – Marco Quadrella

La reach organica di Facebook, come sappiamo, è sempre più in calo. Questo significa che dobbiamo capire il meglio possibile il funzionamento dell’algoritmo di Facebook per creare post che ottengano un posizionamento migliore.

Di norma Facebook tende a privilegiare i contenuti che tengono l’utente sulla piattaforma. Ecco il motivo per cui i video ottengono sempre una reach migliore rispetto agli altri tipi di post.

Molto utile a questo scopo Facebook Analytics, che permette di fare profilazioni molto precise degli utenti e tracciare il percorso delle persone su tutti i dispositivi.

Il piano editoriale: da ordinario a stra-ordinario – Valentina Falcinelli

Valentina si ascolta sempre con piacere. Durante il suo speech ci ha introdotto l’argomento attraverso una storia che ha coinvolto anche il pubblico.

Quando creiamo i nostri contenuti per i social dobbiamo fare attenzione ed evitare che siano sempre uguali, altrimenti creiamo un’abitudine, e l’abitudine può generare monotonia.

Usciamo dagli schemi, facciamo qualcosa di diverso dal solito, osiamo.

Come?

  • Proviamo a usare un tono di voce nuovo, possiamo osare un tono insolito anche in settori un po’ più “seri”.
  • Coinvolgiamo il pubblico con creatività, magari lanciando simpatiche sfide.
  • Usiamo dei visual che abbiano carattere: le gif ad esempio, o anche le immagini a 360°. In generale prediligiamo foto vere piuttosto che immagini stock.

10 tecniche di copi efficaci su Facebook – Michael Vittori

Anche Michael ci ricorda che per essere efficaci su Facebook bisogna uscire dagli schemi. Dobbiamo essere persuasivi e usare la leva giusta per ogni persona. Per fare questo dobbiamo prima di tutto ascoltare e conoscere il nostro pubblico.

Vediamo quindi assieme alcune di queste 10 tecniche:

  • Stuzzica la curiosità dell’utente, cattura la sua attenzione ma senza raccontargli tutto subito.
  • Identifica qual è il problema del tuo utente, enfatizzalo e forniscigli la soluzione.
  • Utilizza le recensioni dei tuoi stessi clienti all’interno dei tuoi annunci: la riprova sociale è una delle tecniche più vincenti.
  • Spiega sempre chiaramente agli utenti qual è l’azione che devono compiere.  Se non sanno cosa devono fare come fanno a farlo?

La Business Intelligence nei social – William Sbarzaglia

William ci ha spiegato come ottenere le informazioni giuste dai social network e da altre fonti di dati attraverso la Business Intelligence.
Ci ha mostrato le linee guida che ha creato per implementare la BI e gli strumenti che ha utilizzato.
Ecco elencati i passi da seguire per impostare un progetto sui social network.

  • Partire dai destinatari che possono usufruire dei vantaggi dalle informazioni dai social network
  • Obiettivi ed esigenze: definiamo gli obiettivi e individuiamo le esigenze dei nostri interlocutori e dei team coinvolti.
  • Progettiamo le dashboard: definiamo i cruscotti a tema in base all’argomento, social, seo, redazione, panoramica, costi…
  • KPI: finalmente inseriamo i vari indicatori di performance in ordine di importanza, specifici per ogni ambito e attività svolta nei social, dai post migliori fino ad arrivare a individuare gli influencer positivi e negativi.
  • Report: infine occorre trovare il modo migliore di presentare i report per essere facilmente compresi e condivisi da più persone attraverso grafici, indicatori, mappe, visualizzati anche su smartphone.

Conversioni su Facebook – Veronica Gentili

Per verificare se le nostre inserzioni su Facebook stanno effettivamente funzionando dobbiamo monitorare le conversioni. E per monitorare le conversioni dobbiamo usare il Pixel di Facebook.

Per fare in modo che tracci tutto correttamente però va configurato nel modo giusto.

Anche così però, a volte i dati raccolti non coincidono con quelli di Google Analytics. Come mai?

Ad esempio perché Facebook utilizza dei modelli di attribuzione diversi da quelli di Google Analytics, quindi traccia una conversione anche se è avvenuta dopo 20 giorni dal clic, mentre Google la attribuisce ad esempio a una visita diretta.

Oppure perché l’utente non ha atteso il caricamento completo della pagina ma ha abbandonato il tuo sito subito dopo aver cliccato sull’inserzione.

Digital Strategy in 5 step – Alessandro Mazzù

Durante il suo one man show Alessandro ci ha elencato i 5 passi fondamentali sui quali si basa una corretta strategia social.

  1. Valuta la situazione attuale;
  2. Definisci gli obiettivi da raggiungere, stando attento che siano specifici, misurabili, attuabili, realistici;
  3. Pianifica il target attraverso le buyer personas;
  4. Implementa la tua strategia;
  5. Analizza i risultati ottenuti.

Ma non è finita qui! Dopo aver analizzato devi rivedere e correggere la tua strategia e implementarla nuovamente.

Saturazione e sovrapposizione nelle campagne Facebook – Alessandro Frangioni

Quando realizziamo una campagna su Facebook possono capitare due casistiche che rischiano di rovinare i risultati e mandare in fumo il nostro lavoro: saturazione e sovrapposizione.

La saturazione avviene quando lasciamo girare lo stesso annuncio per troppo tempo, magari su un target ristretto. Le persone vedono lo stesso annuncio più e più volte e si annoiano. Il risultato è quindi il contrario di quello che speravamo.

Per evitare il problema dobbiamo aggiornare periodicamente le inserzioni e scegliere dei target non troppo di nicchia.

La sovrapposizione avviene invece quando abbiamo più inserzioni che si rivolgono alle stesse persone. Rischiamo così che una persona veda l’annuncio sbagliato o meno adatto.

Possiamo risolvere creando dei pubblici personalizzati e usando le esclusioni e la verifica della sovrapposizione del pubblico con lo strumento Delivery Insights.

Immagini e grafica nei social – Enrico Maioli

Enrico ha tenuto un intervento a metà tra conference e workshop, risultando molto coinvolgente e interessante.

Ci ha spiegato come realizzare dei visual efficaci per i nostri canali social, senza cadere in errori e orrori banali che possono vanificare tutti i nostri sforzi.

  • Stiamo attenti all’uso del colore: ogni colore ha un suo significato e va scelto con cura, anche evitando mix fastidiosi e poco leggibili.
  • Distribuiamo il contenuto in modo corretto: le informazioni più importanti dovranno avere maggior risalto, quelle meno importanti dovranno passare in secondo piano. Non sovraccarichiamo le nostre grafiche di informazioni.
  • Scegliamo i font in base alla loro leggibilità e al loro “carattere”: i font graziati sono più leggibili e seri, quelli senza grazie sono più moderni e più usati sugli schermi.
  • Attenzione alle immagini: no a foto stock finte o di bassa qualità. Con pochi strumenti e un minimo di formazione si possono realizzare immagini più vere, uniche e vincenti.

Una dei punti fondamentali emersi un po’ in tutti gli speech è questa: il cliente deve sempre essere al centro delle nostre strategie. Dobbiamo essere utili e coinvolgenti per il pubblico, e non pensare solo al nostro prodotto come fine a se stesso.

Dal Social Media Strategies per quest’anno è tutto.

Speriamo che questo piccolo resoconto sia stato utile per stuzzicare la tua curiosità e spingerti a saperne di più e sperimentare nuove soluzioni.

Lascia un tuo commento qui sotto, e raccontaci qual è l’argomento che hai trovato più interessante!

Jessica Fraccaroli

View all posts by Jessica Fraccaroli

Scrittrice, pittrice, fotografa, compratrice compulsiva con la passione per l’inglese. Curiosa per natura e assetata di novità, sperimento di continuo buttandomi in 1000 nuovi progetti, sperando di ricevere presto la mia GiraTempo. Appassionata di web da sempre, canalizzo queste mie qualità nella creazione di siti web innovativi, graficamente accattivanti e funzionali.
Sono guest blogger per SEMrush.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *